Catacombe cava Palombieri

Share Button

Sito Etnanatura: Catacombe di cava Palombieri,

Inserita nel circuito RETE2000 con la sigla SIC ITA090017 per le sue particolaritá florofaunistiche e vasta 546H, Cava Palombieri conserva tracce di una piccola necropoli sicula poi adattata in epoca tardo romana con tombe a forno e ad arcosolio e rifacimenti successivi bizantini. La presenza di due menorot uno a sette ed uno a nove braccia, incisi ai lati dell’ingresso testimonia una presenza ebraica.

 

Continua a leggere
Share Button

Architettura megalitica in Sicilia: la Gurfa e l’Argimusco

Share Button

di Marinella Fiume

 Verrà il giorno in cui raccoglierai pietre e stelle…

Le Pietre e le Stelle sono capaci di palpitare, di piangere e di ridere, di parlare e di raccontare, dobbiamo solo entrarci in sintonia, saperle ascoltare.

Le ascoltano i bambini, gli scrittori, i poeti, i sognatori, i folli, i saggi, ma anche gli scienziati. Questi ultimi sono gli archeoastronomi, studiosi di una scienza legata a civiltà preistoriche, a luoghi lontani e ataviche conoscenze, molte delle quali ancora da svelare e decifrare.

La scienza delle stelle e delle pietre studia gli allineamenti astronomici degli antichi edifici nel loro contesto storico e archeologico ed è una scienza tanto affascinante quanto misteriosa, materia ermetica nella quale convergono astronomia, archeologia, antropologia e altre discipline.

Continua a leggere
Share Button

Grotta dei Santi

Share Button

Sito Etnanatura: Grotta dei Santi.

Un Ciclo pittorico di 33 figure di Santi si snoda lungo il perimetro di questa profonda cavitá rettangolare. Secondo diversi studiosi appartengono ad un ciclo pittorico del sec XII/XIII. Quasi tutte le figure sono distrutte e illeggibili, il vano, modificato nel corso dei secoli, sembra indicarne la funzione di culto greco/bizantino. La zona in cui sorge merita una visita perchè si trova integrata in un percorso archeologico con testimonianze che vanno dal bronzo antico (tomba a finti pilastri) ai secolo nostri (mulino ad acqua in grotte).
Fabio Perez

Continua a leggere
Share Button

La leggenda di Avalon

Share Button

Marinella Fiume

A proposito della credenza portata in Sicilia dai Normanni secondo cui l’isola di Avalon sarebbe in una grotta dentro l’Etna, tra le fonti che attesterebbero che la fata Morgana, sorella di Artù, avrebbe trasportato il sire ferito a morte dal vile traditore Mordred nell’antro etneo va annoverata anche questa ballata di un anonimo del XIII secolo che si faceva chiamare Gatto lupesco. Ecco il testo originale:

Continua a leggere
Share Button

Plemmirio

Share Button

Sito Etnanatura: Plemmirio

Il Plemmirio si sviluppa su un perimetro di 14,35 km di costa lungo la parte orientale della Penisola della Maddalena, con una superficie di 2.429 ettari di mare protetto. Il territorio è di grande rilevanza dal punto di vista della flora e della fauna, ma anche da un punto di vista storico. Crocevia per il passaggio delle navi e dei bastimenti di Cartaginesi, Romani e Greci, l’area del Plemmirio ospita nei fondali diversi colli d’anfora e reperti di varie epoche, compresi quelli dell’ultima guerra mondiale. Nel 2017 è stato scoperto lungo le acque della riserva il relitto di un bombardiere inglese Vickers Wellington della seconda guerra mondiale a 36 metri di profondità. L’aereo venne abbattuto alle 2 del mattino del 9 luglio 1943 durante l’operazione Husky.

Sito Etnanatura: Plemmirio

Share Button

Annunziata Castelmola

Share Button

Sito Etnanatura: Annunziata Castelmola.

Il tempio sorge nella contrada omonima, poco prima di entrare nel paese, nei pressi del cimitero. Fu costruita nel 1100 da Ruggero il Normanno quale ringraziamento alla Madonna per l’aiuto ricevuto durante la vittoriosa guerra contro i Saraceni, e presenta un portale di notevole pregio, inventariato dalla Soprintendenza ai Beni Culturali. La chiesetta è aperta al culto per un breve periodo dell’anno, dal 1° al 15 agosto, durante il quale si celebrano la novena della Madonna Annunziata e la festa dell’Assunzione di Maria al cielo.

Continua a leggere
Share Button

Medio_Alcantara

Share Button

Sito Etnanatura: Medio Alcantara.

Gurne dell’Alcantara.
Il fiume Alcantara, nella sua incessante azione erosiva operata per millenni sulle colate laviche, ha creato una serie di laghetti dalla forma rotondeggiante conosciute con il nome di “Gurne” o “Vulli”. Questa particolare tipologia di laghi di natura lavica caratterizza il corso dell’Alcantara in un tratto limitato che si estende (escludendo i due Vulli in prossimità di Mojo Alcantara, meno importanti rispetto agli altri) prevalentemente nel territorio del Comune di Francavilla di Sicilia (Me), tra la contrada Santa Caterina e l’omonimo ponte, fino all’abitato di fondaco Motta, frazione di Motta Camastra (Me). Le Gurne dell’Alcantara sono sedici. La loro larghezza varia tra i 5 ed i 30 metri di diametro mentre la profondità varia tra i 5 e i 10 metri massimi, che si raggiungono solo in prossimità delle cascate.

Continua a leggere
Share Button

Monte Rinatu

Share Button

Sito Etnanatura: Monte Rinatu.

Si tratta di un cono molto antico che deve il nome alla “rina”, la sabbia vulcanica che lo copre e che rende scarsa la vegetazione. Il panorama è comunque di assoluta bellezza in quanto monte Rinatu si affaccia sulla Valle del Bove.

Continua a leggere
Share Button

La civiltà della pietra fra l’Alcantara e l’Agro

Share Button
Continua a leggere
Share Button

Ramulia

Share Button

Sito Etnanatura: Ramulia.

Lungo il sentiero si ritrovano alcuni palmenti scavati nella roccia e un sito caratterizzato dalla presenza di un cerchio di pietre. Non abbiamo trovato notizie attendibili riferite alla datazione di questi manufatti anche se potrebbero risalire anche a periodi prestorici.

Continua a leggere
Share Button