La Badiazza

Share Button

06-01-2013 10-06-58

Sito Etnanatura: Badiazza.

Il monastero fortificato di S. Salvatore della Placa sorgeva sulla “Rocca della Batiazza”, un massiccio banco arenario nei pressi di Francavilla di Sicilia, del quale, in grande abbandono, non è rimasto quasi nulla, ad eccezione di pochi ruderi, che gli studiosi distinguono come residui murari delle celle dei monaci, di una chiesa e di resti identificati dagli esperti di settore, come palmenti rupestri coperti. Le cronache dell’epoca raccontano della presenza nella zona di un fitto bosco, cosiddetto foresta della “Placa”, il quale, doveva essere sicuramente l’estrema propaggine di sud-est dell’odierno bosco di “Malabotta-Pittari”, vegetante poco distante dal sito e ricadente in gran parte in territorio di Malvagna.

Continua a leggere

Share Button

Torre Castello Randazzo

Share Button

03-09-2009-17-24-35

La torre-castello di Randazzo, visibile da Piazza San Martino, posta su uno strapiombo di roccia lavica, è l’unica superstite delle Otto torri messe a guardia della Città sulla cinta muraria. Esistente già ai tempi di Federico II di Svevia, occupava probabilmente un’estensione maggiore di quella attuale. Fu sede del Giustiziere del Valdemone, diventando così luogo di detenzione di prigionieri e condannati a morte (le finestre con inferriate del lato nord si affacciano addirittura sulla Timpa di S.Giovanni, dove si innalzava il patibolo), per poi passare, attraverso alterne vicende, alle famiglie Romeo e Vagliasindi, che ne assunsero il titolo, ed infine venire destinato a carcere mandamentale.

Continua a leggere

Share Button

Palmento Roccella

Share Button

Sito Etnanatura: Palmento Roccella.

Alto Akesines (Alcantara), tra Mojo e Roccella, fino al XIV secolo territorio di Castiglione. In un’unica roccia arenaria troviamo due palmenti litici e due tombe a grotticella, dalla patina non si riesce a distinguere se c’è una differenza d’epoca tra i due manufatti, presumo dall’età del Bronzo al primo periodo siculo. Intorno al 1860 alle falde dell’Etna sono state ritrovate alcune ampelidi di ere geologiche dell’età terziaria: segno che la vite cresceva spontanea.

Continua a leggere

Share Button

Monastero San Benedetto Militello

Share Button

Sito Etnanatura: Monastero San Benedetto Militello.

Voluto dal principe Francesco Branciforte e dalla moglie Giovanna d’Austria, e completato dalla figlia Margherita, il maestoso complesso benedettino di Militello (secondo in Sicilia per dimensioni solo a quelli di Catania e Monreale) fu costruito tra il 1616 e il 1646, su disegno di Valeriano De Franchis, e si contraddistingue per l’impianto manierista con notevoli spunti barocchi nell’intaglio.

Continua a leggere

Share Button

Torre San Pietro Clarenza

Share Button

09-02-2016 16-30-56

Sito Etnanatura: Torre San Pietro Clarenza.

Nel 1779 i territori dell’attuale comune di San Pietro Clarenza vennero acquisiti  dal nobile catanese Giuseppe Mario Clarenza o Chiarenza.  Egli faceva parte di una nobile famiglia di origine greca ed era titolare di uno stemma con lo sfondo d’argento raffigurante un braccio armato tendente una spada ed accompagnato a destra da una cometa e a sinistra da due stelle a sei raggi, il tutto di colore rosso.

Continua a leggere

Share Button

Casa Scala

Share Button

Sito Etnanatura: Casa Scala.

Palazzo Reale (Casa Scala). Costruito sotto gli ultimi re normanni. In questo palazzo soggiornarono: 
– Giovanna Plantageneto figlia di Enrico II d’Inghilterra e moglie di Guglielmo II di Sicilia; 
– Costanza d’Altavilla moglie dell’Imperatore Enrico VI lo svevo; 
– Enrico VI di Svevia; 
– Federico II di Svevia; 
– tutta la corte aragonese, fra cui Giovanni e Federico III; 
– nel 1535 Carlo V d’Asburgo, di passaggio per Randazzo. 

Continua a leggere

Share Button

Maria Santissima della Stella

Share Button

Sito Etnanatura: Maria Santissima della Stella.

Edificata a partire dal 1722, in sostituzione dell’antica chiesa di Santa Maria della Stella distrutta dal terremoto del 1693, fu aperta al culto nel 1741. La chiesa, dedicata alla Madonna della Stella, patrona principale della città, è collocata in cima ad una scenografica scalinata e presenta un’armoniosa facciata barocca ricca di intagli affiancata da una poderosa torre campanaria. Il disegno della facciata si deve all’architetto Giuseppe Ferrara da Palazzolo Acreide, attivo nel Val di Noto negli anni del dopo terremoto; i pregevoli stucchi settecenteschi che decorano l’interno sono invece dell’agrigentino Onofrio Russo, allievo di Giacomo Serpotta. Gli eleganti pilastri e le arcate interne presentano lo stesso profilo di quelli della coeva chiesa del Santissimo Crocifisso di Noto.

Continua a leggere

Share Button

San Nicolò Militello

Share Button

Sito Etnanatura: San Nicolò Militello.

La chiesa madre di San Nicolò e del Santissimo Salvatore sorge a Militello in Val di Catania. Edificio dal profilo ampio e slanciato, fu edificato a partire dal 1721, in sostituzione dell’antica matrice (oggi detta San Nicolò il Vecchio) distrutta dal terremoto del 1693. Fu aperta al culto nel 1740. Nel 1750 fu completato il primo ordine della facciata, progettato dall’architetto Girolamo Palazzotto, mentre nel 1765 furono realizzati il secondo ordine e il campanile con cupolino in stile orientale dal celebre architetto catanese Francesco Battaglia.

Continua a leggere

Share Button

Maria della Catena Militello

Share Button

Sito Etnanatura: Maria della Catena Militello.

La chiesa della Madonna della Catena è un luogo di culto cattolico di Militello in Val di Catania. Venne edificata nel 1541 per ospitare forse una confraternita di donne, in prossimità del palazzo estivo dei Barresi, signori della città, nel cui prospetto era presente un’antica edicola raffigurante la Madonna della Catena. Nel 1616 vi si insediò la confraternita del SS. Crocifisso al Calvario che nel 1652 si prese cura della sua riedificazione. All’esterno presenta un affaccio ricco di intagli che si distinguono per il caratteristico motivo a graticcio tipico dei lapicidi militellesi.

Continua a leggere

Share Button

Castello Barresi Branciforte

Share Button

Sito Etnanatura: Castello Barresi Branciforte.

Il Castello Barresi-Branciforte di Militello in Val di Catania fu costruito agli inizi del XIV secolo, probabilmente su un preesistente fortilizio di età sveva.Nel 1303 diviene signore di Militello il barone Abbo Barresi (o Abbone de Barresio, confermato nel feudo dal re Federico III di Sicilia nel 1308) ed è a lui che viene tradizionalmente attribuita la costruzione del castello. A seguito dell’aumento della popolazione e del numero di abitazioni del “casale”, nel 1337 il re Pietro II di Sicilia concede a Giovanni IV Barresi, succeduto al padre intorno al 1330, il privilegio di circondare di mura l’abitato includendovi all’interno il castello.

Continua a leggere

Share Button