• Belpasso

    Belpasso

  • Santa Domenica Vittoria

    Santa Domenica Vittoria

  • Messina

    Messina

  • Caronia

    Caronia

  • San Marco DAlunzio

    San Marco DAlunzio

  • Mongiuffi Melia

    Mongiuffi Melia

  • Acireale

    Acireale

  • Pozzallo

    Pozzallo

  • Piedimonte Etneo

    Piedimonte Etneo

  • Galati Mamertino

    Galati Mamertino

  • Mistretta

    Mistretta

  • Adrano

    Adrano

  • Valverde

    Valverde

  • Maletto

    Maletto

  • Vizzini

    Vizzini

  • Santa Maria di Licodia

    Santa Maria di Licodia

  • Ferla

    Ferla

  • Leonforte

    Leonforte

  • Alcara Li Fusi

    Alcara Li Fusi

  • Mineo

    Mineo

Etna - Domenica 02-10-2022 17:36:47 - Il sole sorge alle 06:55 e tramonta alle 18:42 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Pidata di sant'Agata -- Chiesa Carmine Nunziata -- Monte Castellaccio -- Bosco di Centorbi -- Sieli -- Pozzo Blandini -- Fontanelle -- Grotta Pietrabuca -- Niviera don Puddu -- San Giovanni -- Hanno visitato il sito: 33.988.697 utenti - Nel 2022: 12.877.159 - Nel mese di Ottobre: 84.076 - Oggi: 56.380 - On line: 248
Grotta dei Ladroni
Attenzione! L'ingresso nelle grotte o nelle cave comporta sempre elevati livelli di pericolo e deve essere fatto solo con attrezzature adeguate e in presenza di personale qualificato.
Nome: Grotta dei Ladroni
Comune: Sant Alfio
Località:Piano delle Donne
Descrizione La Grotta dei Ladri é un piccolo tunnel di scorrimento lavico che si apre in una colata preistorica in localitá Piano delle Donne, nei pressi del rifugio Citelli. La cavitá, nota da tempo immemorabile, venne topografata e descritta nel 1988 dal CSE ed inserita nel catasto regionale col numero Si CT 1117; un articolo sulla cavitá (Barone, Di Paola, Fanciulli, Marino, Maugeri) venne poi pubblicato su Economia Siciliana del I semestre 1989. Secondo una leggenda che si racconta nei paesi vicini (Cantarella 1985: 7) essa venne utilizzata nella seconda metá del XVIII secolo come rifugio da una banda di briganti che imperversava, invero senza grande fortuna, nella zona. Si dice che essi fossero un tal Don Carmelu, u zzu Cicciu Lera, u zzu Concettu Spotu e u zzu Cola, tutti provenienti da Palermo. I quattro, per quanto audaci, sembra peró che non fossero assistiti da una buona stella, tanto che le loro imprese criminose si concludevano assai spesso ingloriosamente. Si racconta pure che sarebbe stata proprio la combriccola a dotare la misteriosa grotta-rifugio di Piano delle Donne di una serie di insoliti accorgimenti, ben visibili ancora oggi. La cavitá ha infatti due ingressi, per cui le sue due sale sotterranee sono non solo piú facilmente accessibili ma anche utilizzabili all'occorrenza per eludere, come si racconta, la sorveglianza di eventuali assedianti e darsi alla fuga; l'ingresso a monte é dotato di una piccola ma pittoresca scalinata con una dozzina di ripidi gradini intagliati nella roccia; l'altro, invero molto suggestivo, si apre in fondo ad uno stretto scivolo artificiale, una sorta di profonda trincea che taglia il suolo e la roccia soprastante per una decina di metri. Nei racconti popolari si é ipotizzato che tale piano inclinato servisse tra l'altro a facilitare l'accesso alla grotta non solo di uomini ma anche di cavalli e muli (quelli dei briganti, ovviamente) che in tal modo sarebbero scomparsi nelle viscere della terra come inghiottiti da una sorta di "Apriti Sesamo". Ció che rende davvero singolare la Grotta dei Ladri é peró la presenza di tre strani pozzi che mettono in comunicazione la volta della grotta con la superficie del terreno soprastante. Tali strutture sono distanziate l'una dall'altra di circa nove metri, hanno un diametro superiore al metro e sono profonde rispettivamente 11, 9 e 6 metri. Non si tratta di semplici fori ma di opere realizzate con grande cura; il loro interno é infatti rivestito da una sorta di compatta camicia a secco formata da conci lavici ben incastrati l'uno nell'altro. I pozzi, come del resto lo scivolo, furono accuratamente costruiti probabilmente nel 1776 come sembra suggerire la data grossolanamente incisa nell'architrave roccioso che sovrasta l'ingresso in fondo allo scivolo. Ben costruiti dunque col preciso intento di durare a lungo. Ma per quale motivo? La fantasia popolare ha una risposta per tutto e scioglie prontamente ogni enigma. Si racconta infatti che i briganti, se inseguiti, erano soliti far cadere il bottino in tali pozzi per poi recuperarlo una volta liberatisi dagli inseguitori. Le leggende hanno spesso un fondo di veritá e, probabilmente, la cavitá venne davvero utilizzata per qualche tempo dai briganti. Ma é credibile che le complesse infrastrutture della grotta siano state realizzate da costoro? E' forse piú realistico immaginare che esse furono create da gente che aveva con la montagna un rapporto ben piú stabile e sereno di quanto lo potessero avere banditi sempre in fuga: pastori o cacciatori che volevano utilizzare la grotta come riparo, mannara o piú probabilmente come nivera. E' evidente poi, che intorno alla cavitá un tempo dovette svolgersi un'attivitá abbastanza intensa: nei pressi della grotta infatti appaiono ancora ben visibili i resti di antichi terrazzamenti, di un reticolo di muretti e soprattutto di almeno due rustiche costruzioni dalla pianta circolare che sembrano essere quei tipici pagghiari 'mpetrache venivano utilizzati un tempo dai pastori etnei o dai contadini come riparo temporaneo.
Da "Le grotte dell'Etna ed i viaggiatori del passato: testimonianze di viaggio" di Giuseppe Puglisi e Giancarlo Santi. IX Simposio Internazionale di Vulcanospeleologia.
Dati sentiero
Powered by Wikiloc
Download mappe
Indicazioni percorso:
Il sentiero é facilmente identificabile in quanto segnalato da un'indicazione turistica. Si trova sulla Mareneve prima di raggiungere il bivio per il rifugio Citelli. Alla fine del sentiero sono visibile gli ingressi delle grotte.
Distanza: 0.3 km - Andata e ritorno.
Grado difficoltà:2/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio: 15°04'16'' - 37°46'17''
Coordinate fine: 15°04'18'' - 37°46'18''
Quota inizio: 1600 m.s.m.
Quota fine: 1600 m.s.m.
Tempo percorso: 20' - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Grotta dei Ladroni 0 0.06 Link Link Grotte
Trofa du Camperi 0.26 1.32 Link Link Alberi secolari
Fau di Saraneddu 0.26 1.24 Link Link Alberi secolari
Rifugio monte Baracca 0.91 2.62 Link Link Rifugi
Monte Zappinazzo 0.91 2.48 Link Link Consigliati
Monte Baracca 0.91 2.62 Link Link
Monte Corvo 0.91 2.87 Link Link Consigliati
Vallone monte Zappinazzo 0.91 2.76 Link Link Consigliati
Grotta monte Zappinazzo 0.91 2.69 Link Link Grotte
Monti Sartorius 0.91 0.86 Link Link Consigliati
Monti Sartorius Piano Provenzana 0.95 4.13 Link Link
Grotta di Serracozzo 1.25 2.25 Link Link Grotte-Consigliati
Serra delle Concazze 1.25 3.09 Link Link Grotte-Consigliati-Valle del Bove
Rifugio Citelli 1.27 1.27 Link Link Rifugi
Monte Rinatu 1.63 2.23 Link Link Consigliati-Valle del Bove
Serracozzo 1.63 1.97 Link Link Consigliati-Valle del Bove
Cubania 1.65 2.91 Link Link Ciclabili-Consigliati-Valle del Bove
Casa Bada 1.67 1.84 Link Link
Grotta dei Rotoli 1.72 2.06 Link Link Grotte-Consigliati
Grotta Chiovazzi 1.73 2.21 Link Link Grotte

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Sant Alfio
Siti Web
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 14456 - nel 2022: 2253 - nel mese di Ottobre: 4 - Oggi: 2 - (*) Da Novembre 2021
Visitatori per nazione (da Giugno 2022)

:
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc