• Iblei

    Iblei

  • Fiumi e laghi

    Fiumi e laghi

  • Ciclabili

    Ciclabili

  • Nebrodi

    Nebrodi

  • Musei

    Musei

  • Greci

    Greci

  • Aree protette

    Aree protette

  • Pista Altomontana

    Pista Altomontana

  • Piano Dammusi-Sciara Follone

    Piano Dammusi-Sciara Follone

  • Simeto

    Simeto

  • Vendicari

    Vendicari

  • Romani

    Romani

  • Arabi e Normanni

    Arabi e Normanni

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Noto antica

    Noto antica

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

  • Contrada Ilice

    Contrada Ilice

  • Mare

    Mare

Italiano English Etna - Martedì 18-06-2024 11:13:03 - Il sole sorge alle 05:36 e tramonta alle 20:26 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- San Nicola Buccheri -- Zappino piano Provenzana -- Faggio piano Provenzana -- Piano Provenzana -- Due monti -- Rifugio monte Baracca -- Monte Baracca -- San Nicolò l'Arena -- Castello Ursino -- Ponte sant Alfano -- Hanno visitato il sito: 93.851.623 utenti - Nel 2024: 2.531.365 - Nel mese di Giugno: 336.311 - Oggi: 11.187 - On line: 179

Foto - Sant'Agata la Vetere
Per saperne di più: pagina Etnanatura--> Sant Agata la Vetere

Descrizione:
Se c'è un luogo di Catania dove la leggenda e la storia, il mistero e la religione s'intrecciano in un fascinoso groviglio quasi inestricabile, ebbene questo luogo è la chiesa di Sant'Agata la Vetere. Nell'anno 264, tredici anno dopo il martirio, il vescovo San Everio stabilì l'erezione di una edicola votiva nel luogo dove Agata subì il taglio delle mammelle su ordine del proconsole Quinziano. Dopo l'editto di Costantino il vescovo San Severino, nell'anno 380, fece costruire un vero edificio di culto all'interno del quale custodire il corpo di Agata in un sarcofago romano ancora presente sotto l'altare maggiore. Ampliata in forma di basilica, fu cattedrale della città di Catania fino l 1091 quando il conte Ruggero dispose la costruzione dell'attuale cattedrale consacrata nel 1094. Distrutta dal terribile terremoto dell'11 gennaio del 1693 fu ricostruita nel 1722. Ma della vecchia basilica sono ancora visibili alcuni tratti sotto il pavimento della nuova chiesa e la cripta, rimasta pressoché intatta, che conserva ancora gli scolatoi per la mummificazione dei cadaveri. Subito dopo l'ingresso si trova la cassa in legno che per oltre 500 anni custodì le spoglie di sant'Agata.
Avvertenze - Chi siamo - Mappa del sito - Siti amici - Sitografia Etna - Scrivici

© 2024 Etnanatura.it - Camillo Bella - Tutti i contenuti del sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non comm.4.0 Italia(CC BY-NC-SA 4.0 DEED)