• Acquedotto romano Catania

    Acquedotto romano Catania

  • Grotta dei pastori

    Grotta dei pastori

  • Monte Egitto

    Monte Egitto

  • Betulla di Tramazzi

    Betulla di Tramazzi

  • Grotta Giuffrida

    Grotta Giuffrida

  • Torre Cuba

    Torre Cuba

  • Pista Altomontana

    Pista Altomontana

  • Monte Alveria

    Monte Alveria

  • Grotta monte Stornello

    Grotta monte Stornello

  • Catacombe cava Palombieri

    Catacombe cava Palombieri

  • Rocche del Crasto

    Rocche del Crasto

  • Grotta Gussonea

    Grotta Gussonea

  • Bosco di Casalotto

    Bosco di Casalotto

  • Caldaia del Drago

    Caldaia del Drago

  • Granfonte di Leonforte

    Granfonte di Leonforte

  • Torre San Pietro Clarenza

    Torre San Pietro Clarenza

  • Zappinazzu

    Zappinazzu

  • Orgale

    Orgale

  • Malabotta Faggita

    Malabotta Faggita

  • Stazzo

    Stazzo

  • Current
Etna - Martedì 05-07-2022 23:29:46 - Il sole sorge alle 05:42 e tramonta alle 20:26 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Il cielo di Luglio -- Bosco Santa Maria la Stella -- Bosco dello Scacchiere -- Pozzillo -- Grotta Fenice -- Monte Mojo -- Castello di Mola -- Rifugio Sapienza -- Abisso di monte Nero -- Riconco di Liricio -- Grotta dei Buoi -- Grotta di monte Dolce -- Hanno visitato il sito: 26.193.616 utenti - Nel 2022: 5.082.078 - Nel mese di Luglio: 392.399 - Oggi: 80.676 - On line: 281
Monte Gemmellaro
Attenzione! L'ingresso nelle grotte o nelle cave comporta sempre elevati livelli di pericolo e deve essere fatto solo con attrezzature adeguate e in presenza di personale qualificato.
I percorsi indicati come ciclabili sono sentieri non attrezzati che presentano molte difficoltà e che devono essere affrontati con prudenza e con attrezzature adeguate.
Nome: Monte Gemmellaro
Comune: Nicolosi
Località:Monte Gemmellaro
Descrizione Tra il 18 ed il 19 maggio 1886 sul fianco meridionale del vulcano, nella stessa direzione NNE-SSW, «lungo la medesima frattura del 1883 a circa 1400 m di quota si aprí una bocca eruttiva che produsse un vasto campo lavico fino alle prime case di Nicolosi che fu evacuato» (Stefano Branca e Jean-Claude Tanguy – Le eruzioni di epoca storica dell'Etna – ingvvulcani.com). Nei 20 giorni dell'eruzione furono emessi circa 66 milioni di metri cubi di lava; le colate raggiunsero una lunghezza di quasi 6 chilometri e mezzo, e si spinsero fino ad una quota di 780 metri sul livello del mare. Il paese di Nicolosi fu seriamente minacciato, ed in questa occasione, ancora una volta, la popolazione fiduciosa fece ricorso all'intercessione dei Santi protettori: le reliquie della martire Sant'Agata furono portate in processione dal Cardinale Giuseppe Dusmet. Il paese fu risparmiato – secondo la fede popolare – anche per l'intervento di Sant'Antonio Abate, il cui simulacro fu condotto incontro alla lava. Nel luogo dove la colata si arrestó venne edificata una edicola dedicata al Santo, per ricordare l'evento. Un altro braccio di lava si arrestó proprio a ridosso dei Tre Altarelli, edicola votiva precedentemente eretta in memoria dell'eruzione del 1766. Ad eruzione terminata un altarino fu eretto in onore di Sant'Antonio (oggi detto Sant'Antonino alla sciara); nel luogo dove furono portate le reliquie della Santa catanese fu successivamente edificata una cappella (l'altarino di Sant'Agata – Divae Agathae Servatrici – alla periferia nord di Nicolosi), accanto alla quale fu posta anche una statua raffigurante il Cardinale Dusmet ed una targa che recita: «Ricordando l'intervento del Cardinale Giuseppe Benedetto Dusmet in ausilio del popolo di Nicolosi durante l'eruzione del 1886 e la sua recente beatificazione l'Amministrazione Comunale, interpretando il desiderio della cittadinanza, eresse». Nel corso dell'eruzione del 1886 circa 51 milioni di metri cubi di ceneri e scorie si accumularono lí dove avveniva la degassazione esplosiva, dando origine ad un cono avventizio il cui punto piú alto raggiunge i 1500 metri circa, rilievo che oggi si eleva di un centinaio di metri sui campi lavici che lo circondano. Il cono di scorie, formatosi nello stesso anno in cui Carlo Gemmellaro morí, fu intitolato allo scienziato, e nella toponomastica ufficiale porta quindi il nome di Monte Gemmellaro.
Testo di Santo Scalia su Il Vulcanico.
Dati sentiero
Powered by Wikiloc
Download mappe
Indicazioni percorso:
Superato il cancello della forestale rifugio delle ginestre, dopo 100 m. si arriva a un bivio: proseguire dritto asciando a destra il Monte Concilio (dove é anche un rifugio chiuso della Forestale). Subito davanti si svela il serpente lavico del 2001 che attraversiamo sulla strada. Sotto la colata del 2001, piú scura, sono affiancate quelle del 1886 (che diede origine al Monte Gemmellaro e il Monte Grosso) e del 1892. Dopo una breve salita la strada arriva a Monte Grosso (1383 mslm) coperto da un bosco misto. Aggirato a sud il monte si raggiunge un piccolo rifugio della Forestale. Dopo proseguendo verso nord, attraversata la sbarra forestale, si continua in leggera salita tra le colate laviche. Per vistare le grotte, prima di arrivare a monte Gemmellaro, svoltare a destra e dirigersi verso una frattura lavica ben visibile anche da lontano. Aggirare la frattura. La prima grotta non é facilmente individuabile e si consiglia l'uso di un localizzatore Gps. Per ritrovare la seconda grotta risalire ai bordi di un imponente canalone lavico sino alla base della frattura lavica del 1886. In prossimitá dei crateri é visibile un pozzo protetto da travi di legno. Entrambe le grotte sono di difficile accesso si consiglia la visita solo se dotati di idonea attrezzatura e comunque in presenza di esperti.
Mappa altimetrica
Distanza: 8 km - Andata e ritorno.
Grado difficoltà:4/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio: 14°59'42'' - 37°40'03''
Coordinate fine: 15°00'30'' - 37°40'44''
Quota inizio: 1320 m.s.m.
Quota fine: 1529 m.s.m.
Tempo percorso: 4h - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Monte Gemmellaro 0 1.73 Link Link Grotte-Ciclabili-Consigliati
Rifugio monte Grosso 0.04 1.25 Link Link Rifugi
Monte Grosso 0.04 1.06 Link Link Ciclabili
Rifugio monte Concilio 0.04 0.14 Link Link Rifugi
Grotte monte Gemmellaro 0.04 1.46 Link Link Grotte
Rifugio monte Gemmellaro 0.07 1.63 Link Link Rifugi
Serra la Nave 1.42 1.45 Link Link
Monte Vetore 2.97 2.89 Link Link
Rifugio san Giovanni Gualberto 3.1 5.03 Link Link Rifugi
Rifugio Carpinteri 3.1 4.38 Link Link Rifugi
Monte Nero degli Zappini 3.1 4.36 Link Link Ciclabili-Consigliati
Grotta Gussonea 3.1 4.18 Link Link Grotte
Grotta santa Barbara 3.1 3.88 Link Link Grotte
Nuova Gussonea 3.1 4.2 Link Link Aree protette
Grotta degli archi 3.12 7.15 Link Link Grotte-Consigliati
Rifugio della Galvarina 3.12 8.29 Link Link Rifugi-Ciclabili-Consigliati
Rifugio santa Barbara 3.12 3.88 Link Link Rifugi
Rifugio monte Palestra 3.12 9.46 Link Link Rifugi-Ciclabili-Consigliati
Rifugio Ariel 3.29 3.29 Link Link Rifugi
Grotta monte Nunziata 3.47 11.29 Link Link Grotte-Ciclabili

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Nicolosi
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 13917 - nel 2022: 1583 - nel mese di Luglio: 39 - Oggi: 2 - (*) Da Giugno 2018
Visitatori per nazione (da Giugno 2022)

:
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • ..
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc