Lactarius blennius viridis
Etnanatura non si assume nessuna responsabilità circa eventuale errori nella catalogazione dei funghi.
Prima di considerare un fungo commestibile è sempre opportuno sottoporlo a esperti certificati e autorizzati
Lactarius blennius viridis
Nome:
Lactarius blennius viridis
Descrizione:
Tassonomia Divisione Basidiomycota Classe Basidiomycetes Ordine Russulales Famiglia Russulaceae Genere Lactarius Sottogenere Piperites Sezione Glutinosi Sottosezione Pyrogalini Sinonimi Agaricus blennius Fr. Lactarius blennius f. virescens J.E. Lange. Lactifluus blennius (Fr.) Kuntze. Lactarius viridis Quél. Lactarius blennius var. viridis (Schrad) Quèl. Etimologia Dal greco βλεννα: blenna = glutine, muco, per la vischiosità del cappello. Cappello 4-10 cm, inizialmente convesso ma subito piano-convesso, infine appianato con leggera depressione centrale; mediamente irregolare con margine sottile e ondulato, leggermente pubescente e provvisto di piccole fossette generalmente disposte concentricamente. La cuticola è viscida, viscosa con tempo umido o dopo le piogge, brillante e asciutta con tempo secco, da granulosa fino a rugolosa specialmente al centro e decorata da guttule che lasciano poi delle fossette concentriche più accentuate verso il margine. Le colorazioni pileiche variano, a seconda delle condizioni climatiche, in molte sfumature con dominante verdastra (verde chiaro, verde-grigiastro, verde brunastro, bruno-olivaceo ecc.), non presenta normalmente zonature o queste sono appena abbozzate dalla disposizione delle fossette. Imenoforo Lamelle adnate o appena decorrenti, intercalate da numerose lamellule, strette e fini, forcate all'attaccatura del gambo, di colore biancastro nei giovani esemplari poi sporcate di verde-grigiastro a maturazione specialmente nelle fratture o dopo manipolazione. Gambo Cilindrico, pieno, sodo nel giovane esemplare poi fragile e cavo, generalmente liscio e decorato da poche guttule, subconcolore al cappello, di colore biancastro con leggere sfumature verdognole miste a toni grigiastri. Carne Abbastanza consistente nel cappello ma molliccia nel gambo, biancastra con toni verdognoli, odore non rilevante, sapore acre. Latice abbastanza fluido ed abbondante con tempo umido e nei giovani primordi, poi scarso, biancastro, vira al grigio-verdastro a contatto con le lamelle. Habitat Fungo molto comune nei boschi di Fagus sylvatica (Faggio) ma anche in boschi misti sempre in relazione con l'essenza sopracitata con la quale sembra aver instaurato un rapporto micorrizico, cresce dall'estate all'autunno solitario o in gruppi di pochi individui. Microscopia Spore (6) 7-8,5 (9) × (5) 6-7 µm, irregolarmente subglobose, ellissoidali, decorate da creste che le conferiscono un aspetto zebrato e connesse tra loro ma non a formare un reticolo, a volte anche isolate e con presenza di verruche. Basidi banali, tetrasporici. Macrocistidi 30-50 (60) µm, poco abbondanti, subfusiformi, acuminati. Pileipellisis gelificata conposta da ife larghe 2-5 µm, con evidenti setti, poco intrecciate. Subcute composta da ife subcilindriche, al di sotto delle quali si osservano ife subglobose o ovoidi. Commestibilità e Tossicità Da ritenersi velenoso, irritante delle mucose, provoca sindrome gastroenterica costante. Somiglianze e Varietà Le molteplici variazioni cromatiche hanno portato diversi autori a creare forme e varietà, tra queste Lactarius. blennius var. viridis (Quél.) A. Marchand che avrebbe il cappello con toni verde pallido, Lactarius blennius var. albinopallescens J.E. Lange, forma intermedia e collegabile con Lactarius fluens Boudier, quest'ultimo riconoscibile per l'abbondanza del latice, il cappello non vischioso, l'assenza di fossette, lamelle crema-carnicine poi grigio-brunastre, carne meno acre. Microscopicamente è importante l'osservazione della pileipellis, poco gelificata e con pigmento incrostante a grossi granuli, subcute con ife subcilindriche ingrossate ma non globulose. Lactarius circellatus Fr. non presenta mai toni verdastri e ha il cappello nettamente zonato e lamelle crema.Lactarius pyrogalus (Bull.: Fr.) Fr. cresce sotto Nocciolo e ha il cappello con toni grigio-brunastri, crema-ocracei al centro, lamelle crema poi più scure e spaziate, tutte specie non commestibili. Osservazioni Lactarius blennius è inserito nella sezione Glutinosi, che annovera specie dal cappello viscoso-glutinoso e con colorazion pileche non appariscenti, sottosezione Pyrogalini che comprende specie dai colori monotoni grigiastri-gigio-verdastri, spesso con sfumature ocra, latice biancastro, che essicando sulle lamelle diviene grigo-verdastro; pileipellis tipo ixocute-ixotricoderma (gelificata) con pigmento extraellulare incrostante, le spore zebrate. L'habitat specifico, la caratteristica del cappello vischioso con toni verdognoli e le proprietà organolettiche permettono un'agevole riconoscimento sul campo. Da http://www.funghiitaliani.it
Link percorso:
Comune:
Castiglione di Sicilia
Località:
Timpa rossa
Coordinate inizio percorso:
37°47'53,53''-15°02'35,65''
Coordinate fine percorso:
37°48'55,08''-15°01'25,265''
Quota inizio percorso:
1800 m
Quota fine percorso:
1842 m
Mappa percorso:

Visualizza Monte Nero in una mappa di dimensioni maggiori
I sapori di Sicilia Dipartimento botanica Cutgana Parco botanico del Chianti Fungaioli siciliani Masseria Fontanazza Fiori di sicilia Sebastiano D'Aquino
Camillo Bella
Copyright Camillo Bella 2009