• Valle del Bove

    Valle del Bove

  • Medioevo e Rinascimento

    Medioevo e Rinascimento

  • Pianobello

    Pianobello

  • Simeto

    Simeto

  • Archeologia industriale

    Archeologia industriale

  • Valle san Giacomo

    Valle san Giacomo

  • Chiese

    Chiese

  • Peloritani

    Peloritani

  • Speciali

    Speciali

  • Immacolatelle

    Immacolatelle

  • Grotte

    Grotte

  • Barocco

    Barocco

  • Romani

    Romani

  • Palazzi storici

    Palazzi storici

  • Alcantara

    Alcantara

  • Cave e opere sottoterra

    Cave e opere sottoterra

  • Alberi secolari

    Alberi secolari

  • Parco dei Nebrodi

    Parco dei Nebrodi

  • Consigliati

    Consigliati

  • Preistoria

    Preistoria

Etna - Lunedì 18-01-2021 02:14:52 - Il sole sorge alle 07:11 e tramonta alle 17:10
Le news di Etnanatura -- Rocca Capra -- Grotta monte Cicirello -- Grotta degli archi -- Monte Zoccolaro -- Schiena dell Asino -- Hanno visitato il sito: 17.818.418 utenti - Nel 2021: 93.122 - Nel mese di Gennaio: 93.122 - Oggi: 402 - On line: 19
Castello duca di Misterbianco
  • Simeto
  • Castelli e ruderi
  • Palazzi storici
  • Catania
Nome:
Castello duca di Misterbianco
Località:
Foce del Simeto

Foto di: Salvo Nicotra

Descrizione:
Il Castello Duca di Misterbianco d'impostazione neogotica, fu edificato nel 1930 dal 9° Duca di Misterbianco Vespasiano. E' situato all'interno dell'area "Oasi del Simeto", in prossimitá della foce del fiume. Attualmente si trova a nord rispetto al percorso del fiume, ma, fino alla metá del 1900 si trovava a sud, poichè il fiume, superato il ponte Primosole, prima di sfociare sul mare Jonio descriveva un'ansa passando piú a nord. L'edificio era circondato da ettari di terreno coltivato a vigneti ed agrumeti, dotato di un pozzo per l'approvvigionamento dell'acqua, di una zona termale corredata di piscina e di un colonnato neoclassico. Il piano terra del castello era destinato ad alloggi per la servitú, locali per la lavorazione dei prodotti raccolti nei campi, con un palmento, il frantoio, le scuderie e magazzini deposito. L'accesso avveniva dai cinque archi presenti a sud della struttura. In tale piano si trovavano due scale, una nell'angolo sud-ovest a due rampe che permetteva l'accesso al loggiato posto ai piani superiori e l'altra posta in posizione centrale rispetto al manufatto, che permetteva l'accesso al livello superiore sia in direzione ovest, quindi verso il loggiato, che in direzione est, permettendo l'accesso sulla terrazza con vista sul mare. Dal primo piano, dall'angolo nord-ovest, si elevava una magnifica torre quadrangolare su cinque livelli fuori terra, che costituiva il loggiato dello stabile, mentre nell'angolo sud-ovest vi erano quattro archi a sesto acuto sorretti da colonne e capitelli. La parte centrale del primo piano era adibita al soggiorno della famiglia, con finestre, aperture ad arco e terrazzi che permettevano di vedere la vegetazione circostante ed il mare. Nella parte centrale, si elevava un'altra piccola edificazione costituendo il secondo piano. Le parti sommitali del castello erano tutti coronati da merli. Il castello costituiva la dimora estiva della famiglia Trigona. Rimase in buono stato fino alla terribile battaglia che si combattè tra il 14 e il 17 luglio del 1943 al Ponte Primosole. In quella occasione, il castello fu occupato prima dai tedeschi e dopo dagli inglesi (Royal Artillery) come posto di osservazione. La torre alta 30 metri in posizione dominante, fu distrutta dall'ultima cannonata dei tedeschi alle ore 17 circa e non fece neanche un morto poichè le guardie inglesi erano a consumare il té pomeridiano. Le origini della famiglia Trigona. La famiglia Trigona trae origini dai duchi "de Monti Chirii in Isvevia" (Germania sud-occidentale) e dal duca Salardo, il cui figlio Coraldo, acquistando il castello e la signoria di Trigona o Trigonna, in Picardia (Francia settentrionale), prese il cognome. Un discendente di Coraldo, Ermanno, valoroso capitano dell'imperatore Federico II di Svevia, ricevette per i servigi offerti al re, diverse ricompense, tra cui, nel 1239 la nomina di governatore di Mistretta. Un discendente di Ermanno, Giacomo, sposandosi nel 1369 con Margherita d'Aragona, figlia di Giacomo, nipote di Pietro d'Aragona II, re di Sicilia, ricevette lo stemma originario con l'aquila nera della Casa Reale d'Aragona. Lo stemma del Casato Trigona raffigura un'aquila nera coronata, recante sul petto uno scudo con incisa una cometa che illumina un triangolo. Da quando fu affidata la Piazza del Castello della cittá di Mistretta al Capitano Ermanno, la famiglia Trigona entró a far parte di una casta nobiliare assai nota in quasi tutti i maggiori centri Siciliani, possedendo molti vassallaggi, signorie e feudi. Il ducato di Misterbianco. Nel XVII secolo, Vespasiano Trigona di Piazza Armerina, acquistó il Casale di Misterbianco, dove si trasferiva con la famiglia nei mesi caldi dell'anno. Il figlio Francesco sposó Felicita Paternó Castello, nipote del Principe Agatino Paternó Castello, dalla quale ebbe un figlio, Pietro Domenico. Quest'ultimo, grazie all'influenza della famiglia materna Paternó Castello, ricevette nel 1685 il titolo di Duca di Misterbianco dal re Carlo II di Spagna. Con Pietro Domenico nacque il Ducato di Misterbianco ed i successori furono nell'ordine: Tullio zio di Pietro Domenico, Vespasiano, Mario, Vespasiano, Alberto, Vespasiano, Alberto, Vespasiano, fino al 10° Duca Alberto nato a Catania il 27.02.1928.
Le foto e le informazioni si devono ad un paziente lavoro di ricerca dell'amico Salvo Nicotra.
Dati sentiero 1
Powered by Wikiloc
Download mappe
Indicazioni percorso:
Percorrete via Alicudi sul lato sinistro del Simeto e imboccate la prima traversa a sinistra.
Mappa altimetrica
Distanza:
6.3 km - Andata e ritorno.

Grado difficoltà: 3/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio:
15°03'56'' - 37°24'54''
Coordinate fine:
15°04'51'' - 37°24'15''
Quota inizio:
6 m.s.m.
Quota fine:
5 m.s.m.
Tempo percorso:
2h - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Castello duca di Misterbianco 0 1.81 Link Link Simeto-Castelli e ruderi-Palazzi storici
Oasi del Simeto 1.51 2.52 Link Link Aree protette-Consigliati-Simeto-Fiumi e laghi
Gornalunga 3.91 3.93 Link Link Aree protette
Grotte Primosole 3.96 4.15 Link Link Grotte-Archeologia-Preistoria
Grotte san Giorgio 4.53 4.27 Link Link Grotte-Archeologia-Preistoria
Santa Maria degli Ammalati 5.92 7.07 Link Link Chiese-Castelli e ruderi
Pantano Lentini 6.58 9.72 Link Link Aree protette-Fiumi e laghi
Feudo san Leonardo 6.88 6.96 Link Link Medioevo e Rinascimento
Santa Maria di Nuovaluce 8.8 8.67 Link Link Chiese-Medioevo e Rinascimento
Fortino 9.39 9.39 Link Link Castelli e ruderi
Porta Garibaldi 9.44 9.44 Link Link
Museo castello Ursino 9.47 9.47 Link Link Castelli e ruderi-Romani-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento-Greci-Musei
Castello Ursino 9.47 9.47 Link Link Castelli e ruderi-Medioevo e Rinascimento
Pozzo Gammazita 9.64 9.64 Link Link Archeologia-Medioevo e Rinascimento
Foro romano Catania 9.7 9.7 Link Link Archeologia-Romani
Terme dell Indirizzo 9.7 9.7 Link Link Archeologia-Romani
Grotta Amenano 9.71 9.71 Link Link Grotte
Boggio Lera 9.78 9.78 Link Link Chiese-Archeologia-Romani-Barocco-Greci
Teatro Romano Catania 9.88 9.88 Link Link Archeologia-Romani
Terme Achilliane 9.88 9.88 Link Link Archeologia-Romani

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Vedi anche
  • Oasi del Simeto
Previsioni meteo Catania
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 3466 - nel 2021: 85 - nel mese di Gennaio: 85 - Oggi: 1 - (*) Da Giugno 2018
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc