• Bosco di Casalotto

    Bosco di Casalotto

  • Ficus Macrophylla Catania

    Ficus Macrophylla Catania

  • San Pietro di Deca

    San Pietro di Deca

  • Palazzo Corvaja

    Palazzo Corvaja

  • Monti Rossi Nicolosi

    Monti Rossi Nicolosi

  • Palazzo Beneventano

    Palazzo Beneventano

  • Cave di Ispica

    Cave di Ispica

  • Grotta dei Ragazzi

    Grotta dei Ragazzi

  • Castello Pietratagliata

    Castello Pietratagliata

  • Granfonte di Leonforte

    Granfonte di Leonforte

  • Grotta di Monte Arcimis

    Grotta di Monte Arcimis

  • San Nicola Randazzo

    San Nicola Randazzo

  • Chiesa Assunta Gallodoro

    Chiesa Assunta Gallodoro

  • Grotta Micio Conti

    Grotta Micio Conti

  • Bosco Nicolosi

    Bosco Nicolosi

  • Rifugio monte Concilio

    Rifugio monte Concilio

  • Ponte Serravalle

    Ponte Serravalle

  • Monte Egitto

    Monte Egitto

  • Castello Santapau

    Castello Santapau

  • Monte Ceraulo

    Monte Ceraulo

  • Current
Etna - Giovedì 21-01-2021 12:48:54 - Il sole sorge alle 07:09 e tramonta alle 17:13
Le news di Etnanatura -- Grotta del Drago -- Rocca Capra -- Grotta monte Cicirello -- Grotta degli archi -- Monte Zoccolaro -- Hanno visitato il sito: 17.834.339 utenti - Nel 2021: 109.043 - Nel mese di Gennaio: 109.043 - Oggi: 2.691 - On line: 32
Pantano Lentini
  • Aree protette
  • Fiumi e laghi
  • Carlentini
Nome:
Pantano Lentini
Località:
Foce del fiume San Leonardo

Suggerito da: Rosaria Privitera Saggio
Foto di: Rosaria Privitera Saggio

Descrizione:
I pantani di Lentini e di Gelsari costituiscono vaste zone umide situate sulla costa ionica della Sicilia, a confine tra le province di Catania e Siracusa, in prossimità del tratto terminale del fiume San Leonardo. Nello scorso secolo furono oggetto di interventi di bonifica idraulica e di prosciugamento che determinarono la scomparsa degli ambienti naturali. Tuttavia, a differenza di altre zone umide, non furono oggetto di trasformazioni territoriali distruttive. Negli ultimi anni l'abbandono di gran parte delle attività agricole e la difficoltà o l'impossibilità di garantire il deflusso delle acque (gran parte delle superfici dei pantani si trovano a quote prossime o inferiori al livello del mare) per l'assenza o il mal funzionamento di impianti idrovori, hanno consentito in queste aree un rapido processo di ricostituzione degli ambienti naturali tipici delle zone umide, di grande interesse naturalistico per la presenza dell'avifauna e per la vastità e la diversità degli habitat. Le prime indagini condotte sull'avifauna negli scorsi anni documentano la presenza di specie di notevole interesse ai fini della conservazione quali la Moretta tabaccata, il Mignattaio, la Sgarza ciuffetto, l'Airone rosso, la Spatola, lo Svasso maggiore, l'Airone bianco maggiore, tutte incluse nell'Allegato 1 della Direttiva "Uccelli". Sono presenti anche specie di piante rare tipiche delle zone umide e habitat di interesse prioritario ai sensi della Direttiva Habitat. Fra le specie vegetali vanno menzionate Ranunculus peltatus subsp. baudotii, Trifolium pannonicum, Potamogeton pectinatus, Sarcocornia alpini e Typha dominigensis. Di estremo rilievo è la presenza, nel Pantano di Gelsari, di Leontodon muelleri, pianta rarissima, che era stata segnalata da Gussone nel 1844 e da Lojacono Pojero nel 1903 per la Piana di Catania dove, però, non era stata più osservata. Nei due pantani sono stati individuati habitat di interesse comunitario ai sensi dell'Allegato I della Direttiva "habitat": 1410 Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi), 1420 Praterie e fruticeti alofili-mediterranei e termo-atlantici (Sarcocornetea fruticosi), 3150 Laghi eutrofici naturali con vegetazione del Magnopotamion o Hydrocharition, 3170 Stagni temporanei mediterranei (habitat considerato di interesse prioritario ai fini della conservazione). Considerato l'elevatissimo valore naturalistico, Legambiente Catania ha proposto nel 2011 l'adozione di strumenti di tutela che hanno condotto, nel luglio del 2012, alla apposizione di un vincolo biennale in attesa della istituzione di una riserva naturale. L'area, inoltre, è stata individuata quale Zona di Protezione Speciale ai sensi della Direttiva "Uccelli". Purtroppo, lo scenario naturale attuale è stato fortemente modificato in seguito agli interventi di prosciugamento delle zone umide attraverso l'attivazione di impianti idrovori da parte del Consorzio di Bonifica 10 Siracusa e la successiva distruzione con mezzi meccanici della vegetazione dei Pantani, azioni che hanno compromesso l'ecosistema e messo a repentaglio la vita di molte specie animali rare o a rischio di estinzione, come la Moretta tabaccata. Per tali motivi Legambiente ha recentemente presentato un esposto alla Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea per violazioni sostanziali delle norme di tutela della rete ecologica "Natura 2000" per danni sia ad habitat d'interesse comunitario ai sensi della Direttiva europea "Habitat" che della Direttiva europea "Uccelli". La tutela effettiva di queste zone umide consentirà, peraltro, di non sprecare più soldi pubblici per l'energia necessaria ad attivare le idrovore deputate a smaltire le acque. Anche la gestione e la manutenzione degli impianti hanno finora comportato costi enormi per la collettività che potrebbero essere eliminati.
Legambiente Catania
Dati sentiero 1
Download mappe
Indicazioni percorso:
IL Pantano si trova alla foce del fiume san Leonardo sia sulla riva destra che sulla sinistra.
Distanza:
2 km - Andata e ritorno.

Grado difficoltà: 2/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio:
15°04'09'' - 37°21'21''
Coordinate fine:
15°04'57'' - 37°19'43''
Quota inizio:
0 m.s.m.
Quota fine:
2 m.s.m.
Tempo percorso:
30' - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Pantano Lentini 0 3.25 Link Link Aree protette-Fiumi e laghi
Feudo san Leonardo 2.01 2.33 Link Link Medioevo e Rinascimento
Gornalunga 3.08 3.74 Link Link Aree protette
Santa Maria degli Ammalati 3.21 2.29 Link Link Chiese-Castelli e ruderi
Grotte san Giorgio 3.26 3.26 Link Link Grotte-Archeologia-Preistoria
Oasi del Simeto 5.07 5.26 Link Link Aree protette-Consigliati-Simeto-Fiumi e laghi
Grotte Primosole 5.26 4.28 Link Link Grotte-Archeologia-Preistoria
Basilica del Murgo 5.78 5.76 Link Link Chiese-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Ponte dei malati 6.4 6.28 Link Link
Castello duca di Misterbianco 6.58 5.47 Link Link Simeto-Castelli e ruderi-Palazzi storici
Biviere di Lentini 8.99 9.51 Link Link Aree protette-Fiumi e laghi
Museo Lentini 9.53 9.53 Link Link Archeologia-Romani-Preistoria-Greci-Musei
Villaggio Bardara 9.68 9.58 Link Link Archeologia industriale
Grotta san Mauro 9.85 9.93 Link Link Grotte-Chiese-Archeologia-Medioevo e Rinascimento
Bricinna 9.96 10.31 Link Link Grotte-Chiese-Archeologia-Greci
San Giuliano 9.99 10.02 Link Link Grotte-Chiese-Archeologia
Castellaccio 10.01 10.11 Link Link Castelli e ruderi-Archeologia-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento-Greci
Santa Maria la Cava 10.02 10.02 Link Link Chiese-Archeologia-Barocco
Grotta dei Santi 10.12 10.15 Link Link Grotte-Chiese-Archeologia-Romani
Grotta del Crocifisso 10.15 10.27 Link Link Grotte-Chiese-Archeologia-Bizantini

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Carlentini
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 2100 - nel 2021: 45 - nel mese di Gennaio: 45 - Oggi: 2 - (*) Da Giugno 2018
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc