Torre Vignazza
Nome:
Torre Vignazza
Comune:
Località:
Capo Schisò
Coordinate inizio:
15°16'06'' - 37°49'17''
Coordinate fine:
15°16'07'' - 37°49'16''
Quota inizio:
15 m.s.m.
Quota fine:
15 m.s.m.
Tempo percorso:
10' - Andata e ritorno.
Distanza:
0.1 km - Andata e ritorno.

Grado difficoltà: 1/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!

Descrizione:
Nel 1544, in seguito alle incursioni del corsaro Kheir-ed-Din Barbarossa, a capo Schisò furono costruite alcune strutture militari: la torre del castello di Schisò, un basso fortino ora inglobato nel Museo Archeologico e un punto di osservazione in località Vignazza. La torre Vignazza, una costruzione quadrangolare a 3 elevazioni fuori terra, controllava il tratto di costa a sud del porto di Schisò ed era in collegamento visivo con il castello di San Marco a Calatabiano, grazie a due garitte che si trovavano nelle contrade Jannuzzo e Recanati. Nel corso del XVI secolo i pirati provenienti da Tripoli, Tunisi e Algeri con piccole imbarcazioni veloci assalivano e saccheggiavano i villaggi costieri; per contrastare queste incursioni furono costruite delle torri lungo tutta la costa della Sicilia che non permettevano di affrontare il nemico a viso aperto ma erano dei punti di avvistamento. Il guardiano del torrione, quando un vascello sospetto si avvicinava alla costa, sparava un colpo di avviso per intimare all'imbarcazione di accostare e farsi riconoscere. Se questa si allontanava ignorando l'ordine, dalla torre si inviavano subito segnali di fumo o di fuoco alle torri vicine fino a che quando la richiesta d'aiuto veniva raccolto dalla più vicina guarnigione, o dal porto più vicino, che poteva così intervenire per contrastare l'incursione dei pirati. Contemporaneamente dalle torri costiere in allarme messaggeri a cavallo avvisavano del pericolo gli abitanti delle case isolate e i villaggi dei pescatori. Le scorrerie dei corsari nel Mar Mediterraneo cessarono definitivamente solamente nel 1830 quando Algeri venne conquistata dai francesi.
Da Comune Giardini Naxos
Download mappe
Indicazioni percorso:
In via Stracina a Giardini Naxos

Come arrivare all'inizio del sentiero:
Indirizzo di partenza:

(es.: Via Nazionale, 87, 00184 Roma, Italia)

Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(**) Pagina Mappa Tipologia
Torre Vignazza00.04LinkLinkCastelli e ruderi-Medioevo e Rinascimento
Neoria Naxos0.270.27LinkLinkArcheologia-Greci
Naxos0.292.52LinkLinkCastelli e ruderi-Archeologia-Speciali-Medioevo e Rinascimento-Greci
Castello Schiso0.360.36LinkLinkCastelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Museo archeologico Naxos0.610.6LinkLinkArcheologia-Greci-Musei
Parco archeologico Naxos0.610.29LinkLinkArcheologia-Greci
Pietra Perciata Taormina2.272.11LinkLinkGrotte-Alcantara-Archeologia-Preistoria
Castello Calatabiano3.463.67LinkLinkAlcantara-Chiese-Castelli e ruderi-Arabi e Normanni
Alcantara Calatabiano3.494.5LinkLinkAree protette-Alcantara-Castelli e ruderi-Fiumi e laghi
San Nicola Taormina3.553.55LinkLinkChiese-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento-Barocco
Torrente Minissale3.594.17LinkLinkFiumi e laghi
Fiumefreddo3.623.61LinkLinkAree protette-Ciclabili-Fiumi e laghi
Alcantara mare3.661.89LinkLinkAree protette-Alcantara-Fiumi e laghi
Casa Cuseni3.673.67LinkLinkPalazzi storici-Musei
Castello Saraceno Taormina3.823.94LinkLinkCastelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Madonna della Rocca3.823.83LinkLinkChiese-Medioevo e Rinascimento
Teatro antico Taormina3.983.98LinkLinkConsigliati-Archeologia-Romani-Greci-Musei
Parco Colonna43.9LinkLinkParchi urbani
Via dei pescatori44.54LinkLink
Odeon Taormina4.014.01LinkLinkArcheologia-Romani

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Giardini Naxos
Numero visite:
Totale (*): 164 - nel 2018: 164 - nel mese di Ottobre: 43 - Oggi: 1 - (*) Da Giugno 2018
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Google +
© 2018 Etnanatura.it - Camillo Bella
Tutti i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza Creative Commons attrib. non commerciale 3.0 Italia(CC BY-NC-SA 3.0)