• Gallodoro

    Gallodoro

  • San Pietro Clarenza

    San Pietro Clarenza

  • Ucria

    Ucria

  • Augusta

    Augusta

  • Casalvecchio

    Casalvecchio

  • San Teodoro

    San Teodoro

  • Malvagna

    Malvagna

  • Pedara

    Pedara

  • Ragalna

    Ragalna

  • Pietraperzia

    Pietraperzia

  • Pozzallo

    Pozzallo

  • Maniace

    Maniace

  • Centuripe

    Centuripe

  • Priolo Gargallo

    Priolo Gargallo

  • Mineo

    Mineo

  • Santa Venerina

    Santa Venerina

  • Santa Maria di Licodia

    Santa Maria di Licodia

  • Forza Agro

    Forza Agro

  • Giardini Naxos

    Giardini Naxos

  • Cerami

    Cerami

Etna - Venerdì 17-09-2021 21:33:27 - Il sole sorge alle 06:42 e tramonta alle 19:05 - Luna gibbosa crescente luna
Le news di Etnanatura -- Grotta Cantarella -- Calanchi Cannizzola -- Hanno visitato il sito: 20.290.687 utenti - Nel 2021: 2.565.391 - Nel mese di Settembre: 205.619 - Oggi: 8.824 - On line: 37
Santa Maria di Valverde
Nome: Santa Maria di Valverde
Comune: Valverde
Località:Centro
Descrizione Ci sono dei posti conosciuti per la loro bellezza, altri per la loro storia, altri ancora per la leggenda. Il santuario di Valverde fa parte di diritto di questa terza categoria. Un posto dove la leggenda diventa favola. Nell'ultimo periodo della dominazione araba in Sicilia, nel giugno del 1038, un viandante di nome Egidio, proveniente da Catania era diretto ad Aci. Passando per Vallis Viridis venne assalito da un brigante, di nome Dionisio. Una volta depredato il malcapitato, Dionisio stava per ucciderlo quando venne udita una voce: «Dionisio, deponi quell'arma... e cessa questa vita di brigantaggio». La voce viene tradizionalmente attribuita alla Madonna. Il brigante non solo si fermò, risparmiando la vita al povero malcapitato, ma addirittura si convertì. Sempre secondo la leggenda la Vergine apparì altre tre volte a Dionisio. Una prima volta chiese di organizzare un pellegrinaggio insieme ai sacerdoti ed ai fedeli di Aci, per indicare il luogo dove costruire il Santuario con i soldi che questi aveva preso con le ruberie. Qui si narra che fu uno stormo chiassoso di gru volteggiante ad indicare dove la Vergine desiderava fondare la sua chiesa. Quindi una seconda volta indicò miracolosamente dove prendere l'acqua necessaria per la fabbrica. Con l'ultima apparizione avvenne il Prodigio del Pilastro, nell'agosto del 1040. Si narra che, mentre Dionisio era assorto in preghiera vide un raggio di intensa luce ed una nube sulla quale vi era la Madonna attorniata da angeli. Quando la visione scomparve, su di un pilastro rimase impressa l'immagine di Maria che oggi si venera. Tradizionalmente si dice che la bellissima immagine sia divinitus formata o acheropita, ovvero non attribuibile a pennello d'uomo. L'icona oggi visibile però non è affatto attribuibile al periodo del presunto prodigio. Del brigante Dionisio non v'è certezza storica, si suppone un ex soldato dell'esercito del generale bizantino Giorgio Maniace rifugiatosi in quelle zone in seguito ad un episodio di tradimento e dedicatosi al brigantaggio. La fabbrica del santuario avrebbe avuto inizio nel 1038 e fine nel 1040. I conquistatori arabi pur tollerando la religione cristiana, non acconsentivano generalmente alla proliferazione del culto e quindi alla costruzione di nuove chiese. Per il Santuario però fu fatta una eccezione dietro pagamento di una somma. Nel 1296 venne consacrato il santuario alla presenza di Federico III di Aragonai. Il 11 gennaio 1693 il terremoto del Val di Noto distrusse il santuario, ma rimase miracolosamente illeso il pilastro con l'immagine della Madonna. A un anno di distanza, il 5 aprile, gli agostiniani scalzi si insediano tra i ruderi dell'antico plesso e ne prendono possesso. Appena tre anni dopo, il 26 aprile 1697, l'allora arcivescovo di Catania Andrea Riggio, concesse ai frati l'affidamento della parrocchia pleno jure. Da Wikipedia
Dati sentiero 1
Download mappe
Indicazioni percorso:
Al centro di Valverde
Distanza: 0.1 km - Andata e ritorno.
Grado difficoltà:1/10
Attenzione, il grado di difficoltà è riferito solo alla lunghezza del percorso e non all'eventuale pericolosità del sito!
Coordinate inizio: 15°07'31'' - 37°34'45''
Coordinate fine: 15°07'33'' - 37°34'45''
Quota inizio: 325 m.s.m.
Quota fine: 326 m.s.m.
Tempo percorso: 10' - Andata e ritorno.
Sentieri vicini
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Sentiero D1(*) D2(*) Pagina Mappa Tipologia
Santa Maria di Valverde 0 0.05 Link Link Chiese-Barocco
Eremo sant Anna 1.2 1.2 Link Link Chiese
San Filippo Valverde 1.41 1.41 Link Link Chiese-Medioevo e Rinascimento
San Filippo 1.69 1.69 Link Link Chiese-Medioevo e Rinascimento-Barocco
Grotta delle Fate 1.95 1.96 Link Link Immacolatelle-Grotte
Monte Ferro 2 1.49 Link Link
Bosco di Casalotto 2.1 2.02 Link Link Parchi urbani
Grotta Micio Conti 2.14 2.21 Link Link Aree protette-Immacolatelle-Grotte
Grotte delle Immacolatelle 2.14 2.42 Link Link Aree protette-Immacolatelle-Grotte
Immacolatelle Micio Conti 2.14 2.44 Link Link Aree protette-Immacolatelle-Grotte
Grotta Cantarella 2.14 2.13 Link Link Aree protette-Immacolatelle-Grotte
Cava Pauloti 2.28 2.2 Link Link Cave e opere sottoterra
Terme romane 2.55 12.7 Link Link Archeologia-Speciali-Romani
Terme Santa Venera 2.55 2.5 Link Link Aree protette-Chiese-Archeologia-Romani
Antiquarium Santa Venera 2.55 2.5 Link Link Aree protette-Archeologia-Romani-Musei
Galleria drenante Acicastello 2.76 2.76 Link Link Cave e opere sottoterra
Palazzo Riggio 2.78 2.78 Link Link Castelli e ruderi-Barocco-Palazzi storici
Aci Castello 2.92 3.5 Link Link Castelli e ruderi-Arabi e Normanni-Medioevo e Rinascimento
Palazzo Riggio Carcaci 3.04 3.05 Link Link Castelli e ruderi-Palazzi storici
Grotta Giuffrida 3.27 3.35 Link Link Grotte

(*) Distanza, misurata in km, in linea d'area dall'inizio del sentiero.
(**) Distanza, misurata in km, in linea d'area dalla fine del sentiero.
Previsioni meteo Valverde
    Etichette
Numero visite:
Totale (*): 2061 - nel 2021: 649 - nel mese di Settembre: 24 - Oggi: 4 - (*) Da Giugno 2018
  • Aggiungi a preferiti
  • Pagina Facebook
  • Gruppo Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Wikiloc