Il cielo di Ottobre

Share Button

A sud-ovest, subito dopo il tramonto, brilla Venere nella costellazione della Bilancia. Ad est invece sorgono i due giganti del sistema solare, Saturno e Giove, entrambi nella costellazione del Capricorno.

 

Continua a leggere
Share Button

Sulla caccia e sull’efficienza del governo regionale siciliano.

Share Button

In questo momento la Sicilia, unica regione d’Italia, è in zona gialla per il Covid e rischia di passare in zona arancione. Il numero degli infetti è percentualmente il più alto d’Italia e il numero dei vaccinati il più basso. In estate la Sicilia è stata devastata da centinaia di incendi dolosi che hanno distrutto una parte ragguardevole del patrimonio boschivo e il tutto è avvenuto nell’inerzia del governo regionale che non ha predisposto piani adeguati di intervento.

Continua a leggere
Share Button

Il cielo di Settembre

Share Button

Ad Est continuano ad essere i protagonisti del cielo notturno i giganti del sistema solare: Giove e Saturno, in congiunzione con la Luna il 17 Settembre nella costellazione del Capricorno. Ad Ovest, subito dopo il tramonto, brilla Venere in congiunzione con la Luna il 10 Settembre. In prima serata, a Sud Sud-Ovest, ritroviamo le costellazioni del Sagittario e dello Scorpione.

 

Continua a leggere
Share Button

Luna piena 22 Agosto

Share Button

Stasera terza Luna piena dell’estate chiamata Luna blu. La Luna avrà il solito colore e non sarà blu. Il termine viene impropriamente utilizzato per indicare la terza Luna piena di una stagione che ne ha quattro (invece delle solite tre). In congiunzione non troppo stretta possiamo ritrovare Giove e Saturno (anche se la Luna piena non ne favorisce sicuramente l’osservazione). A sud-est fra le costellazioni dell’Aquario e del Capricorno.

Share Button

La notte di san Lorenzo

Share Button

Nella notte di san Lorenzo, il 10 Agosto, non possiamo non ricercare le Perseidi, la cui osservazione sarà favorita quest’anno dall’assenza della luce lunare. La cometa che ha dato origine a questo sciame è la Swift-Tuttle, che ha un nucleo di circa 10 km. Il suo ultimo passaggio al perielio è avvenuto nel 1992, e il prossimo si realizzerà nel 2126. Le meteore che noi vediamo ora sono particelle rilasciate durante le passate orbite della cometa. Lo sciame meteorico è visibile nella costellazione di Perseo che può facilmente essere rintracciata ad Est in tarda serata, sotto la costellazione di Cassiopea, facilmente riconoscibile per la caratteristica forma a W.

Share Button

Il cielo di Agosto

Share Button

Saturno e Giove risplendono a Sud nel cielo di Agosto rispettivamente nelle costellazioni del Capricorno e dell’Aquario. Venere è ancora visibile ad Ovest subito dopo il tramonto tra la Vergine e il Leone. A nord ovest brilla la rossa Arturo nella costellazione del Bootes dalla inconfondibile forma ad aquilone. Allo zenit Vega, Altair e Deneb disegnano l’asterismo del Triangolo Estivo. In direzione Nord, la Stella Polare è al centro della famiglia delle Costellazioni Circumpolari. L’Orsa Maggiore e l’Orsa Minore sono accompagnate, procedendo in senso antiorario, dal Dragone, da Cefeo e da Cassiopea.

 

Continua a leggere
Share Button

I siti più visitati del 2020

Share Button

Inizia un nuovo anno ed è tempo di statistiche. Vi vogliamo presentare i siti di Etnanatura che nel 2020 hanno avuto più visite

Al primo posto (con 7683 visite) si posiziona il Rifugio Timparossa (vedi) .

Il rifugio si trova nell’omonima collina di Timparossa sul sentiero che da monte Nero porta alla grotta dei Lamponi. Deve la sua fama al fatto che è sempre fruibile ed è tenuto in buono stato, inoltre la faggeta di Timparossa, soprattutto d’autunno quando le foglie si macchiano di sangue, è veramente affascinante.

 

Continua a leggere
Share Button

Grotta del labirinto

Share Button

Sito Etnanatura: Grotta del labirinto.

A circa 400 metri dopo la grotta dei Lamponi, salendo dal sentiero che conduce alla grotta del Gelo a ovest di esso, troviamo la grotta del labirinto, a quota 1756 s.l.m. con uno sviluppo di 320 m., una condotta nata dalla famosa eruzione del 1614-24 una cavitá piú superficiale e meno profonda dalle altre grotte: Diavolo, Lago, Gelo, Aci, ecc…ecc. piú piccola e intricante la rende un complesso speleo vulcanologico di notevole interesse.

 

Continua a leggere
Share Button

Grotta del Faggio

Share Button

Sito Etnanatura: Grotta del faggio.

La grotta si é formata a seguito delle colate laviche del 1614. L’eruzione dell’Etna del 1614-1624 costituisce l’eruzione piú lunga del periodo storico. Avvenne sul versante settentrionale del vulcano formando il vasto campo lavico denominato “Sciara del Follone”.

Continua a leggere
Share Button

Scifì

Share Button

Sito Etnanatura: Scifì.

Nel 1987 a Scifí durante alcuni scavi effettuati poco prima dell’arrivo in paese, nei pressi del cimitero cittadino, si notarono alcuni segni del passato sepolto ormai da quasi un millennio di sedimenti. La storia vuole ricondurre a questi resti del passato l’antico monastero dei santi apostoli Pietro e Paolo d’Agró. L’attuale monastero dei Santi Apostoli Pietro e Paolo D’Agró infatti, fatto “ricostruire” dai Normanni nel XII secolo, all’origine si trovava sulla sponda destra della fiumara, proprio dove é sorto Scifí.

Continua a leggere
Share Button